Home > spalti e madonne > Inter in Wonderland: fino all’ultima goccia

Inter in Wonderland: fino all’ultima goccia

17 Febbraio 2011

Inter in campo con i gladiatori di sempre più un samurai sulla fascia sinistra e un redivivo Drago a centrocampo, redivivo si fa per dire. Le scelte di formazione ci rimarrà sempre il sospetto che le facciano il Capitano e il futuro allenatore. Oggi non si può scherzare dopo il passo falso a casa dei ladri di sempre.

Partiamo bene, come spesso accade, e un tocco di Camporese toglie attribuendosela la gioia del gol a Mototopo. Come succede troppo spesso l’Inter cessa di giocare nel momento stesso del vantaggio, la viola perde Santana per infortunio e Sinisa è obbligato a schierare Ljajic che gli cambierà la partita in meglio. Mutu gioca la sua miglior partita e anche altri interpreti non scherzano. Sulla sponda nerazzurra Maicon sembra tornato il Facocero Indolente dell’inizio dell’anno scorso, e a centrocampo la benzina è davvero poca: anche da volante il Cuchu non è la Volpe Azzannatrice di una volta, il Drago è più ingolfato di un Garelli fermo da vent’anni, e il Furetto Olandese gioca più o meno da solo, peraltro per larga parte del match decentrato sulla sinistra in una posizione inspiegabile. Il Capitano da solo non può correre per tutti. Dai e dai riusciamo a prendere il gol. E la Fiorentina chiude anche in attacco i restanti 15 minuti del primo tempo.

Nella ripresa ci aspettiamo un cambiamento d’atteggiamento, ma evidentemente c’è un problema fisico perché è chiaro che ci manca fiato, dinamismo e lucidità in mezzo al campo. Fortunatamente il Facocero si sveglia un attimo e anche Mototopo prende coraggio nonostante l’ostentata indifferenza dimostratagli da Wesley. La viola conosce benissimo questa fase delle nostre partite, aspetta, resiste a infila due o tre contropiedi in cui rischiamo l’imbarcata. Ci vuole l’invenzione del Leone che si beve letteralmente Camporese e scodella al centro per un Pazzo Wrestler che infila alle spalle di Boruc il gol del definitivo 2-1.

Nei restanti 20 minuti, ancora con in campo i soliti 11 spompati e sull’orlo di ennesimi infortuni muscolari, potrebbe succedere di tutto: Big Mac corre più in questa partita che in tutta la sua carriera all’inter; Wesley ovviamente sente tirare muscoli troppo stressati al rientro da un infortunio (ma guai a fare solo un tempo o a lasciar giocare qualcun altro); il Drago gioca 86 minuti (!!!!); e il Leone rischia di fare un gol in coast to coast che non vediamo dai tempi di Berti a Monaco di Baviera. Lottiamo fino all’ultima goccia di sangue e sudore per portare a casa i tre punti e ci riusciamo. Ma una fatica immane.

Certo: è vero che noi incontriamo gli avversari quando recuperano forma e giocatori; è vero che siamo stanchi e abbiamo giocato sempre; ma è anche vero che le scelte di formazione mi paiono più orientate a soddisfare l’orgoglio di qualcuno che a valutare l’effettiva funzionalità a tutta la squadra dei giocatori e del loro stato di forma. Ed è anche vero che giochiamo veramente a sprazzi, come se ci ricordassimo solo ogni tanto di che squadra siamo. In Europa non basterà. E probabilmente neanche in Italia, come abbiamo già dimostrato con le doppie sconfitte contro squadre a strisce bianconere. Io sono felicissimo per i tre punti. Fondamentali. Però non ci si può nascondere dietro un dito. Che i ragazzi e Leopardo guardino in faccia la realtà e cerchino di fare le scelte più intelligenti e razionali. Grazie.

  1. 17 Febbraio 2011 a 13:22 | #1

    la prima volta che condivido nel merito un post su fiorentina-inter… che sta succedendo?
    😛

  2. 17 Febbraio 2011 a 14:12 | #2

    che tutti gli interisti che conoscono non sono d’accordo.

    PS. ho omesso il rigore grande così su cambiasso per amore di patria e perché secondo me l’arbitraggio non ha avuto rilevanza sulla partita

I commenti sono chiusi.