Archivio

Posts Tagged ‘Napoli’

Inter in Wonderland: uno per uno non fa male a nessuno

15 maggio 2011 Commenti chiusi

Un biscottone di quelli che non si vedevano dai tempi di Genoa-Napoli 1-1 per salire entrambe in Serie A senza playoff. Gli ultimi dieci minuti di melina imbarazzanti, ma d’altronde i napoletani sono uomini di mondo e sanno come gira il fumo. L’Inter raggiunge il secondo posto, obiettivo stagionale in campionato, rivede Walter Samuel sul campo (il cambio Ranocchia-Samuel con due mancini in campo nessuno dei due sani e scattanti griderebbe vendetta se non fosse poco più di un’amichevole quella che si svolge al San Paolo), porta Eto’o a 35 reti stagionali (una sola per eguagliare il suo record personale, tre per eguagliare quello di Meazza e Angelillo), subisce un gol in fajolada al 46esimo del primo tempo. Tutto il resto è pura accademia. Piutost che nient l’è mej piutost.

La Coppa dei Cachi: almeno vinciamo…

27 gennaio 2011 Commenti chiusi

Ci presentiamo ai quarti di finale della Coppa dei Cachi con di fronte un tabellone che pare fatto apposta per mandare i cugini in finale con il minimo sforzo e la massima resa. Anche noi ambiamo a un risultato simile, ma la serata da questo punto di vista sarà un flop su tutta la linea, tranne una, quella che conta: vincere. Per centrare l’obiettivo e far dimenticare il passo falso a casa della succursale dei nostri più acerrimi nemici, il Friuli, Leopardo manda in campo tutti i titolari tranne l’Orco sostituito per l’occasione dalla Rana finalmente titolare. Lui è la sola altra nota veramente positiva della serata.

La difesa sembra meglio registrata e non prendiamo gol… per centoventi (120) minuti… con in campo tutti i titolari: Rana-Speedy e poi Rana-Orco si dimostrano un’ottima linea, nonostante mi tocchi vedere per tutti i supplementari Big Marika a fare il terzino, cosa che una giraffa nera ovviamente non può fare con risultati “top” (suppongo che ora in molti esprimeranno le loro critiche nei confronti del povero kenyota vagamente fuori ruolo). I centrocampisti – sì, avete capito bene, non state avendo un incubo, il Sindaco ha fatto 120 minuti e segnato pure un rigore – danno il massimo che hanno, 50 minuti di sicurezza, fino all’evento che rende veramente indigeribile la serata, l’infortunio del Drago: cazzo, tra tutti i settori del campo, il centrocampo è l’unico che ci reggeva in piedi, e ora perde una pedina fondamentale. Dopo il nefasto evento infatti cominciamo a ballare come scimmie.

Non è solo colpa dell’uscita di Deki, ovviamente. E le note dolenti sono molte: concludiamo i 120 minuti non avendo usufruito del terzo cambio, mistero della fede; si infortuna anche Cordoba, lasciandoci con una sola coppia di centrali che si rispetti, Rana-Orco, speriamo che basti; il Leone aveva la labirintite, tanto che il Bradipo Panda ha giocato meglio di lui, cosa che potrebbe far rivoltare nella tomba gli antenati del Mamba fino alla centuordicesima generazione. Il Napoli ha più grinta, più gamba e la stessa mira nostra. Per questo finisce 0-0 con due grandissimi interventi di un redivivo Gatto di Piombo in combutta con Orchi, Rane, Ghiri e compagnia ululante.

E grazie al prezioso contributo dell’arbitro per una volta veramente scandalosamente scarso o orientato a facilitarci il compito.

Almeno concludiamo la serata da vincenti, consolazione minima considerato che lasciamo due feriti e almeno una decina di polmoni sul terreno di gioco, con la prospettiva di vedere gli stessi bipedi – privi dei sopracitati polmoni – affrontare le prossime sfide. Perdere non si poteva, ma chiuderla nei novanta minuti sì, cazzo, e l’unico che ci ha provato davvero è stato il Pelato Cambiasso: grazie di esistere. Mi sono sfibrato io, figuriamoci i nostri eroi. Meno male che le semifinali sono tra tre mesi.

Inter in Wonderland: Welcome to the Jungle!

7 gennaio 2011 1 commento

Lontani i verdi campi elisi della Terra dei Cachi, remote le viscere della terra ottenebrate dalla nebbia e dall’umidità del purgatorio del volger dell’anno, il prode Leopardo dalla schiena ritta trascina i nostri beneamati nel loro ambiente naturale: non più omelie e salamelecchi, pelosi elogi e viziosi panegirici, ma l’azione, nient’altro che l’azione. I proteiformi eroi nerazzurri indossano i panni delle belve e attirano i poveri pulcinella un po’ impettiti per un campionato al di sopra delle aspettative (e grazie a svariati gol oltre il 92esimo) e che fanno della corsa e dell’agonismo la principale qualità nella giungla più fitta.

Qui finalmente in mezzo alle fiere ritroviamo, ed è la notizia più lieta, il Principe della Foresta: si muove come un tempo, scatta come un tempo (almeno per 70 minuti) e poco manca che la butti in fondo al sacco come un tempo. Ma i tifosi interisti sanno aver pazienza. Anche perché avere come compagno di reparto il Bradipo Panda, capace di partire con dieci metri di vantaggio su Piolo Cannavaro e di arrivare un secondo in ritardo sul difensore al pallone, trasforma il recupero della perfetta forma in un impresa francamente improba. D’altronde si sa che i Panda priviligiano svaccarsi su una pietra con in bocca un bastoncino di bambù, troppo pigri anche solo per essere carnivori (sono sempre orsi, anche se la loro dieta tradisce qualche piccolo problema di dinamismo).

Dietro alle due punte finalmente il pesce preferito per giocare nel trito campionato del Paese-che-non-c’è, il luogo a cui fa bene che i nostri cugini biretrocessi vincano, per diktat del padrone della ferriera: il rombo. Ei fu. Un Drago Stankovic a pieno regime e scatenato su tutto il fronte, il Sindaco Motta, ormai noto come la Mangusta, la Volpe glabra Cambiasso e il Bue d’Acciaio, il nostro infaticabile capitano, che ancora un po’ dopo l’ennesima discesa piazza un diagonale millimetrico che rischierebbe di avviare anzitempo i lavori per il nuovo stadio. Io per primo avrei iniziato a smontare le gradinate per portarmi a casa un souvenir di una serata in cui avviene cotanta azione.

In difesa davanti a un’improbabile Gatto di Marmo con il nome di Castellazzi, legato con liane e rampicanti ai tronchi della porta, un ottimo Ghiru (che non dorme per nulla, aiutato a turno dalla Mangusta o dal Cuchu), un Orco Lucio di proporzioni bibliche, un Topolino Cordoba che compie recuperi impensabili per un 35enne e un Maicon Facocero dalle discese sempre più rade. Nonostante tutto ciò e nonostante la sofferenza ad ogni palla spiovente in mezzo all’area, prendiamo solo un gol quando pulcinella Pazienza si infila come una freccia nella difesa.

Per i napoletani è solo il temporaneo pareggio della rete incredibile che confezionano la Mangusta e il Drago con un triangolo da antologia e sinistro nell’angolino. Dopo il pareggio la canea nerazzurra riprende il controllo della partita, ma sembra faticare a sfruttare al meglio le molte occasioni che si creano, lasciando qualche speranza agli avversari. Proprio dopo tanti moccoli all’indirizzo del Facocero brasiliano, questo compie la sua prima discesa stagionale e scocca un cross perfetto su cui El Cuchu, sapido come una volpe pelata argentina può essere, si lancia come una freccia per il 2-1.

Il secondo tempo ripete il copione del primo tempo: noi attenti, coperti, abbastanza corti, con la difesa bassa e la voglia di ribaltare l’azione. Lasciamo spesso l’iniziativa all’avversario e sui pallone a spiovere tra il Gatto di Marmo e la poca mobilità dei difensori andiamo in difficoltà, senza sbandare. Sul corner che ormai tutti disperavano che il Panda Bradipo fosse in grado di battere, il miracolo: non solo scodella la palla in area, ma il Sindaco Mangusta sale più in alto di tutti e beffa il portiere partenopeo. Partita in ghiacciaia e solo voglia di chiuderla. Ci riusciremo trasformando la giungla nelle sabbie mobili e rischiando di quadruplicare con il capitano e non solo.

Non si può più scherzare: i giocatori ci mettono l’anima, le gambe e il cervello. C’è ancora molto da migliorare, soprattutto in fase difensiva e davanti con un Pandev inguardabile nonostante gli sforzi che fa per non sembrare un ex atleta. Alcuni uomini sono ancora a mezzo servizio, ma si vede che è cambiato il modo di affrontare gli impegni. Se serviva che Benny se ne andasse per vedere tutto ciò, viva l’esonero. Per ora la formazione la fanno i senatori, ma servirà cambiare per crederci.