Home > jet tech > Installazione di Ubuntu 10.10 su Asus eeePC VX6

Installazione di Ubuntu 10.10 su Asus eeePC VX6

10 Marzo 2011

Avendo dovuto acquistare un nuovo PC ho deciso di andare su un 12.1”, una via di mezzo tra netbook e notebook: ho scelto un Asus eeePC VX6, contrariamente alle mie abitudini tendenti ad HP, perché ho pensato che per i netbook fosse una scelta con tradizione (e anche perché l’unico HP che mi piaceva il pavillon dm1 (veramente una bella macchina con ottimo rapporto qualità prezzo).

Caratteristiche del pc
Le caratteristiche del pc sono sostanzialmente: schermo 12.1”, 3 Gb di RAM, disco da 320Gb SATA, 2 porte USB 3.0, 1 porta USB 2.0, 1 alloggio per schede SD, porta HDMI, porta VGA, CPU Dual Core Intel D525, video camera e microfono incorporato, scheda video NVIDIA Ion2 e una seconda scheda Intel per quando non vuoi consumare troppa batteria (6 celle), scheda audio integrata, wireless Broadcom BCM4313. Una bella macchina. Peccato non abbia controllato prima la compatibilità immediata con linux, perché se è vero che ora funziona quasi tutto, non è che sia stata proprio una passeggiata di piacere. Ho deciso di condividere le soluzioni ai problemi qui, sperando che sia utile a qualcun altro.

Installazione di Ubuntu
Per installarci linux ho deciso di abbandonare la mia favorita Debian unstable (non ne potevo più dei continui aggiornamenti) e di provare a installarci Ubuntu (è appena uscita la 10.10): ho scelto però la versione desktop (non la netbook che ha un’interfaccia insopportabile) e ho deciso di usare per l’installazione l’alternative CD su chiavetta USB (essendo un netbook il VX6 non ha lettore ottico) per poter crittare tutto il disco. Per creare la chiavetta ho scaricato l’installatore alternativo e ho seguito le istruzioni.

Fin qui tutto bene: ho avuto solo qualche complicazione dovuta al fatto che ho creato la chiavetta non usando il software di ubuntu stessa, ma un altro software, ma questo forse non riguarderà i più furbi di voi. Per il resto ho seguito le istruzioni anche per crearmi un filesystem completamente crittato a parte la partizione di /boot.

Una volta installato (ero collegato alla rete via scheda ethernet) ho installato i software che mi servono e copiato la mia home dal mio vecchio pc, configurandomi un po’ tutto. Poi mi sono messo a cercare le magagne. E le ho trovate subito.

Scheda Wireless
Dovrete andare in Sistema -> Additional Driver e aggiungere il driver per la BCM 4313. Questa è la cosa più facile.

Schede video
NON INSTALLATE i driver alternativi per la scheda Nvidia Ion2 perché la morte cadrà sul vostro pc. L’Asus VX6 ha due schede video e Ubuntu installa e configura la scheda intel che vi permette di lavorare perfettamente. La scheda Nvidia serve per avere una grafica molto avanzata e per sfruttare l’uscita HDMI. Considerato che a me non fregava nulla della cosa, ho provato a installarlo, ma ho solo ottenuto di non riuscire più a loggarmi. Ho dovuto far partire il pc senza grafica e splash page (premete Esc quando parte, editate la riga di grub che serve per far partire il vostro kernel e levate le parole “quiet” e “splash”), riconfigurare X (con X -configure e poi copiando il file ottenuto in /etc/X11/xorg.conf) e bestemmiare tantissimo. Magari c’è un modo facile per fare andare la scheda Nvidia con i suoi driver proprietari, ma io ho deciso che me ne fottevo.

Scheda Audio, Microfono, Cuffie
Poi ho scoperto che andavano solo gli altoparlanti: non c’era modo di sentire l’audio in cuffia o di usare i microfoni (sia quello onboard che quello delle cuffie). Ho sclerato per qualche ora, ma alla fine ho trovato la soluzione seguendo il troubleshooting della scheda audio da launchpad: in particolare mi sono state di molto aiuto le informazioni aggiuntive a fine pagina, laddove dice che per le schede intel bisogna specificare una riga di opzioni in /etc/modprobe.d/alsa-base.conf. Ho cercato usando i comandi suggeriti il mio modello di scheda audio (una Intel Realtek ALC269) e ho verificato che nel mio caso bastava dare come opzione “options snd-hda-intel model=auto” in fondo al file. A quel punto facendo partire il pulse audio mixer (vedi la stessa pagina per installarlo e a cosa serve) ho trovato e sistemato i miei volumi automagicamente.
Una piccola aggiunta per usare il microfono frontale con skype (che altrimenti non funziona): aprite pavucontrol o la sua versione gnome e andate sulle configurazioni del dispositivo di registrazione; per poter usare il microfono con skype dovrete annullare il canale sinistro e sistemare a metà il canale destro, questo perché skype usa solo uno dei due canali di registrazione del microfono e se lo trova in stereo fa casino. Soluzione un po’ raffazzonata ma che mi calza perfettamente.

Suspend/Hybernate
Avevo poi problemi a ibernare/mandare in standby il mio pc. Qui ho avuto culo e al primo link ho beccato la soluzione.
Bisognava aggiungere il file /etc/pm/config.d/unload_module e scriverci dentro solo “SUSPEND_MODULES=”xhci-hcd” per far scaricare correttamente il modulo delle porte usb 3.0 che si incartava.

Conclusioni
Al momento quindi mi funziona più o meno tutto, tranne l’uscita HDMI (non ho avuto modo di testare l’uscita VGA, mi tocco tanto per gradire) e non posso sfruttare le funzionalità della Nvidia Ion2. Poco male. Rimane un po’ lento (secondo i miei standard) e sto ancora cercando come ottimizzare le performance di cpu e dischi, ma questo avverrà quando avrò riposato i miei nervi da queste prime due giornate spese ad assicurarsi di non aver perso pezzi per strada. Non saprei se consigliarlo o meno per chi non ha voglia di farsi un discreto culo per installare tutto. Alla fine sono soddisfatto, però mi è costata un bel po’ di fatica e madonne.

Presto versione in inglese (se ho voglia)

  1. debian fans:p
    14 Marzo 2011 a 16:55 | #1

    Nero, molli debian così? Ubuntu mi sembra sempre più uguale ad altri OS commerciali… la trovi già pronta ma fa sempre più quello che vuole lei e non quello che vuoi te (poi naturalmente ognuno costomizza, rimuove e modifica quello che vuole. Però meglio partire dalla base e costruire piuttosto che avere tutto e togliere, no?).

    Non ci mostri uno screenshet del tuo desktop?

    ciau:)Netiona heb

  2. 14 Marzo 2011 a 18:04 | #2

    Ubuntu è sempre una debian alla fine della fiera ed era un po’ che volevo giocarci e rendermi la vita vagamente più facile.
    Debian va benissimo onestamente, ma dopo 10 anni di unstable sentivo il bisogno di tranquillità 🙂

    il mio desktop vede un gheppio. La foto ce l’avete sul blog qualche post indietro 🙂

    ciao

I commenti sono chiusi.