Home > spalti e madonne > Inter in Wasteland: no brain and no balls make big players small

Inter in Wasteland: no brain and no balls make big players small

3 Aprile 2011

Arriva il derby. Arriva il match che può sancire un clamoroso sorpasso. In campo una squadra entra con la rabbia e la determinazione di chi vuole vincere a tutti i costi. Purtroppo non è quella con i colori giusti. Quella con i colori giusti è diventata la squadra dell’amore e della generosità, e alla fine della fiera ci lascerà le penne.


Leopardo manda in campo la squadra dei senatori con pandev al posto di un deki il cui dinamismo in mezzo ci sarebbe servito come il pane (oltre che la sua grinta nei derby): il duo Motta-Cuchu dimostra di non essere adatto a giocare partite di livello, con la sua staticità e l’incapacità di reggere entrambe le fasi. A questo si aggiunge una serata decisamente no per Maicon, colto da ciuca triste per colpa di Dani Alves, e una stanchezza che ormai sembra atavica nelle gambe.


Dopo neanche un minuto siamo sotto di un gol, con un Robinho abbandonato al suo lieto destino dal Colosso e un rimpallo che finisce proprio sui piedi dell’avversario più pericoloso: il nuovo cocco di casa Berlusconi, Pato. I nerazzurri si accasciano e rischiano di prenderne un secondo, ma poi capiscono di poter dire la loro e per i venti minuti finali del primo tempo pressano e spaventano un Milan in versione Lecce all’ultima giornata: la puntata del Pazzo finisce su Abbiati, la testata di Motta finisce quasi dentro, il Leone si mangia un altro gol pesante come quello di Torino, riempiendo gli occhi di milioni di interisti di lacrime di rabbia.


Rientriamo per i secondi 45 minuti senza cambiare un Pandev che non ha visto una boccia e senza dare segnali alla squadra. La partita sembra equilibrata, ma Chivu infilato per l’ennesima volta in contropiede per la scarsa protezione dei mediocampisti e un intervento solo abbozzato di Ranocchia non si ferma e si presta ad un rosso diretto per abbattimento in corsa di Pato. Dopo pochi minuti un cross sbagliato da Abate si stampa sulla testa di Pato per il 2-0: ci fosse l’Inter che abbiamo conosciuti in questi anni la reazione sarebbe stata veemente, mentre questa Inter si accascia e aspetta solo il fischio finale. E vedere milionari che fanno i bambocci in mezzo al campo per far passare i minuti senza stancarsi troppo come se fosse normale perdere il derby è una roba da far uscire di testa anche Gandhi e trasformarlo nel colonnello Kurz. Nel frattempo riesce anche a prendere il terzo gol da un Cassano che mostra al mondo la sua brillante intelligenza facendosi espellere per doppia ammonizione a partita finita. E solo Julio Cesar ci risparmia l’umiliazione di un altro 6-0. E loro al contrario di noi, non si sarebbero fermati. Uno spettacolo indignitoso.


C’è poco da dire: se perdi due scontri diretti su due e negli scontri con le prime quattro hai fatto in tutto 7 punti nell’anno calcistico, se non perdevi due derby da otto anni, se per due volte quando hai il destino nelle tue mani perdi malamente senza mai essere veramente in partita, vuol dire che non è il tuo anno. O meglio: che quest’anno hai panza e testa piena di molte, troppe altre cose. Io non ho mai voluto essere la squadra dell’amore: ho passato anni a prendere per il culo milanello bianco e se il risultato è che con l’amore si arriva sempre a un passo dalla vittoria finale, questo nobile sentimento i giocatori e l’allenatore (?!) dell’Inter se lo possono tenere in saccoccia.


Poteva essere trionfo, invece è la Terra Desolata, l’abisso della tua insufficienza, dell’ultimo passo mai davvero compiuto per andare fino in fondo. E considerato che Leo ha fatto lo stesso l’anno scorso con il Milan, è anche la dimostrazione che è a lui che manca la cattiveria dell’ultimo passaggio, perso com’è nell’estetica della propria esperienza di vita. Abbiamo perso e una squadra con 7 gare al passivo in un anno non merita lo scudo. I nostri odiati cugini hanno dimostrato di tenerci di più (anzi a dire il vero da come hanno gridato per le strade di Milano di essere disperati all’idea di perdere anche quest’anno). E’ andata così. Ma l’anno prossimo non partiremo con l’handicap. Perché non sarebbe accettabile per chi vive e colora di passione i colori nerazzurri. E perché io mi sono già bello che rotto i coglioni di rendere il campionato italiano interessante: lo preferivo noioso come negli ultimi 4 anni.

  1. trofeissero
    3 Aprile 2011 a 9:21 | #1

    guarda tu eri allo stadio, pensa le madonne da casa quando sul gol mangiato da eto’o quell’infame di caressa ha accennato a pronunciare il suo nome come quando segna……

    l’avrei voluto avere tra le mani..
    questo black out pazzesco.sembrava di vedere l’andata dell’anno scorso a colori inversi…..

    ps. sai che non son sicuro che chivu tocchi pato?

    ciao nero.

  2. 3 Aprile 2011 a 9:53 | #2

    non ero allo stadio dato che non vado in curva (e il milan ha consentito l’acquisto ai non rossoneri solo in curva)
    eto’o si è magnato due gol che ci sono costati almeno 2 se non 4 punti, ma ne ha fatti 32 e ci ha tenuto a galla quando nessun altro giocava a calcio: come faccio a imputargli qualcosa?
    neanche io ne sono sicuro, ma se sei un difensore da tanti anni non incroci, perché l’attaccante ci prova e 9 su 10 ti buttano fuori: meglio 2-0 in 11 vs 11 che 1-0 in 10 vs 11 con il rischio che ti dia pure il rigore se c’è rocchi 🙂

I commenti sono chiusi.